sabato 30 aprile 2011

Dedicato a me

Era da tempo che meditavo di farmi l'autoritratto e, alla fine, me lo sono fatta.  Come vedete, mi sono dipinta fra "i ferri del mestiere".  Pegaso rappresenta la vita spirituale dell'artista e del poeta che si stacca dalla realtà librandosi in volo verso i mondi interiori.

8 commenti:

Gabe ha detto...

magnifico!

Arianna ha detto...

Complimenti, è stupendo! Ciao, Arianna

Carla, i colori...pensieri della mia mente. ha detto...

a me piace molto. Bravaaaa
p.s. se vuoi Nadia c'è un giochino con sorpresa sul mio blog http://lavostraarte.blogspot.com , sono passata perchè parto per una breve vacanza.ciaooo

Giada ha detto...

Sai che io non mi sono ancora mai fatta un autoritratto? Il tuo mi piace, ti sei raffigurata insieme alle cose che ami di più, complimenti!!!
Ciao, Giada

Costantino ha detto...

Bravissima!
Un autoritratto molto bello,e molto bene intonato con la attività artistica.

Ninfa ha detto...

Brava Nadia, mi piace l'idea di farsi un autoritratto, è un modo per guardarsi dentro, ma anche di farsi conoscere dagli altri. Infatti tu ti sei dipinta vicino a ciò che ami. Il quadro nel quadro poi è davvero poetico. Ciao!

bluoso ha detto...

Bello Nadia! Ancora il tuo intenso simbolismo, la tua fantasia che non demorde e mette insieme con grande libertà e inventiva segni, colori, sentimenti. Ciao e buona festa. Luigi.

Marcello Affuso ha detto...

io credo che l'autoritratto sia l'opera più difficile per un autore. Rappresentare se stessi è arduo perchè da un lato non devi banalizzarti, dall'altro neanche esaltarti. Tu hai fatto un ottimo lavoro devo dire. Buona serata